Tag-Archive for » finestre «

Venerdì, 11 settembre, 2009 | Autore:

Pace in terra di USB

Sotto un *niente sistema operativo, avere più partizioni su un Drive USB Non è scienza missilistica, funziona solo. Nel mio caso, il mio drive USB ha due partizioni perché la prima partizione è una avviabile Arch Linux impostare.

Ho Finestre su un desktop a casa – soprattutto per il gaming – e molti dei miei colleghi usano troppo. Dal momento che Windows non fa molto bene con le partizioni non Windows ho pensato che avrei potuto creare un FAT32 partizione memory stick dopo la partizione di Arch Linux avviabile. FAT32 è quasi onnipresente ed è utilizzabile su ogni sistema operativo desktop comune nel mondo.

Bleh

Purtroppo non funziona subito fuori del blocco. Apparentemente, Microsoft nella loro infinita saggezza ha deciso che memory stick si suppone di avere una (e una sola) partizione. In realtà Windows trova la prima partizione e poi ignora tutti gli altri che capita di essere impostato:

Please Format

Sbagliare, no, Non voglio di formattare la partizione di installazione di Arch Linux

Il trucco per farlo funzionare è di ingannare di Windows a pensare che il dispositivo è non una normale chiavetta USB, ma forse un disco a stato solido che risulta essere collegato via USB. Sì, lo so, questo è seriamente stupido che Windows si comporta in questo modo. Un hard disk a stato solido è solo un grande enorme (e veloce) memory stick dopo tutto!

Ho trovato alcune fonti su come fare questo però ho dovuto ancora di capire alcune cose per conto mio. Specificamente, le guide che ho trovato sia saltato alcuni passaggi o non hanno fornito sufficienti informazioni su dove scaricare il pacchetto driver.

Questa procedura comporta la modifica manuale dei driver hardware e installazione “non firmato” drivers “non destinato per il vostro hardware”. So che qualcuno sta per rompere il loro sistema e la colpa me così io dico adesso che mi assumo alcuna responsabilità per eventuali danni si può fare per il vostro sistema di Windows come conseguenza di questo. Leggi che ancora una volta. 😛

Istruzione

remove the highlighted text

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Scaricare e decomprimere il driver, Originariamente creato da Hitachi, qui. Aprire il file cfadisk.inf in notepad (o il vostro editor di testo in chiaro favorito), e trovare la sezione etichettata [cfadisk_device]. Rimuovere la sezione evidenziata sulla destra:

Ridurre al minimo (non chiudere) l'editor e vanno a le icone del desktop – fare clic destro su Risorse del computer e selezionare Properties. Selezionare la scheda hardware e quindi selezionare [Device Responsabile]:

System Properties

Trova il dispositivo in “Unità disco”, fare clic destro vostra memory stick e selezionare Properties:

Device Manager

Fare clic sulla scheda Dettagli e nella casella a discesa in quella pagina, selezionare “Hardware Ids”. Fare clic sulla prima riga della lista degli ID hardware e premere Ctrl C per copiare il nome:

USB Hardware Ids

Non chiudere questa finestra, tornare al promemoria (che è stato minimizzato) e incollare l'ID hardware in cui il contenuto precedente è stato rimosso.

Changes pasted into notepad

Salvare il file in blocco note e tornare alla finestra delle proprietà della finestra del dispositivo. Fare clic “Autista” scheda e fare clic [Ilpdate Driver…] pulsante. Nella finestra che pop-up, selezionare “Non, Non questo tnome”; [Next] -> “Installa da un elenco o di una sposizione pecific (Avanzato)”; [Next] -> “DRicerca on't. La scelta del driver da installare.”; [Next] -> [Have Disk…].

Unsigned Drivers - Click Continue Anyway

Passare alla cartella dove avete salvato il file modificato cfadisk.inf. Fare clic [Bene]. Troverete

vi è un driver Hitachi Microdrive elencato. Selezionare questa e clicca [Next]. Quando l'avviso

appare, clic [Yquesto è]. Un altro avvertimento apparirà in merito a una questione simile (questi sono i “unsigned” e “non destinato per il vostro hardware” avvertenze ho menzionato in precedenza). Fare clic [Continue Comunque]:

A questo punto vi consiglio di chiudere tutte le finestre di dialogo relative alla configurazione. Infine, rimuovere e reinserire la memory stick nella porta USB e si dovrebbe trovare che le partizioni extra sul bastone sono accessibili. Nel caso peggiore, scenario, si potrebbe ancora bisogno di partizionare il disco tuttavia la parte più difficile è finita. 🙂

Condividere
Lunedi, 6 aprile, 2009 | Autore:

Mi sono imbattuto in 2 bug su Di Windows Server 2003 che sono rilevanti anche per Windows XP.

Circuiti brevi

1. Internet ExplorerS 'icona Desktop è disattivato. Quando si fa doppio clic sull'icona, aspettandosi IE per lanciare, produce semplicemente un ulteriore scorciatoia. Le successive doppio clic di nuovo producono altre scelte rapide. È possibile, come una soluzione, per lanciare IE dal menu Start.

La mia prima ipotesi era che il malware stava tentando di farmi fare clic su questi nuovi collegamenti dove i nuovi collegamenti aperti ulteriormente il malware. Questa idea in fretta sbiadito però dato, se il malware dovesse avere i privilegi di sistema per la produzione di questi sintomi, non mi avrebbe bisogno di fornire ulteriori privilegi.

Alla fine ho trovato qui qual è il problema reale era. Nel mio caso, la causa era legato a IE6 essere superata. Se un Windows Registro di sistema voce viene chiamato “LegacyDisable” e si aggiunge a specifiche tipologie di chiavi di registro, permette di Windows sa che la chiave è obsoleta e che è solo stato lasciato alle spalle per la retro-compatibilità. In questo caso, è disabilitata principale che si intende “verbo” funzione (il doppio-click) del collegamento: il lancio di IE.

Per risolvere, è possibile effettuare l'aggiornamento alla versione più recente di IE o fissare direttamente la voce del Registro. Se si verifica questo problema anche con l'ultima versione di IE allora il valore del Registro è l'unico modo che conosco come risolvere il problema.

Pericolo, Will Robinson!

Anche se questa è una modifica del Registro banale, il registro è ancora una cosa pericolosa a pasticciare con così, come di solito, eseguire il backup del Registro di sistema: Vedere KB322756. Nessuno viene a me la colpa per trashing loro sistema. 😛

De-registrazione me!

Incollare il seguente in un file reg. Ed eseguirlo; o rimuovere manualmente la “LegacyDisable” voci di cui-a qui:

[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID {871C5380-42A0-1069-A2EA-08002B30309D}\shell  NoAddons ]
"LegacyDisable"=-
 
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID {871C5380-42A0-1069-A2EA-08002B30309D}\shell  OpenHomePage]
"LegacyDisable"=-

Mi Accendi!

2. Quando si tenta di passare a qualsiasi sito all'interno di IE, IE rimane mentre dormiente Firefox viene lanciato. Firefox poi carica la pagina che è stato originariamente richiesto in IE.

Mentre molti potrebbero maggior parte del tempo ritengono che questo sia un trionfo [inserisci risate infantili qui], il sito che volevo per individuare era il Aggiornamenti di Windows sito che, sfortunatamente, non funziona quando si utilizza Firefox. Lo stesso vale per altri siti che dipendono il browser web di supporto ActiveX.

De-Registrati Me Too!

Alla fine ho trovato la soluzione qui, e risulta essere simile alla soluzione del primo problema – tranne che è di rimuovere un'intera chiave. Di nuovo, Assicurarsi di avere una copia di backup del registro prima di continuare. Ecco il relativo contenuto del file reg.:

[-HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID {C90250F3-4D7D-4991-9B69-A5C5BC1C2AE6}]

Spero che risolve le cose per chiunque altro abbia problemi simili. 🙂

Condividere
Thursday, January 22nd, 2009 | Autore:

I very recently found a problem with a client’s web site due to a .htaccess File. The site was hosted on a Finestre server running IIS using IISPassword, which makes use of .htaccess files for its settings.

IISPassword doesn’t follow exactly the same rules as with Apache tuttavia. If the .htaccess file exists then it must contain IISPassword-appropriate rules, otherwise the server returns only the following error:

Error 500 given by IIS Password
Here’s the content of the .htaccess file. I’ve only modified the final redirection URL to point to example.com appropriately:

RewriteEngine On
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*google.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*aol.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*msn.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*yahoo.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*yandex.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*rambler.*$ [NC,OR]
RewriteCond %{HTTP_REFERER} .*ya.*$ [NC]
RewriteRule .* http://siffy-phishing-url.example.com [R,L]

If this were on a server running Apache with mod_rewrite, most web users would go directly to the correct site content. Only if they reached the site through the search engines and indexes listed in the .htaccess, would they be redirected to the siffy phishing url that the cracker wants victims to reach.

Naturalmente, the cracker (or perhaps even an automated worm) didn’t realise that the server in question didn’t even support these mod_rewrite rules. But either way, this is very worrying as I can foresee many arguments about whether or not the site is working

Condividere
Lunedi, 17 novembre, 2008 | Autore:

Non avevo mai veramente avuto la necessità di collegarsi a una rete VPN fino a questo fine settimana. Dopo aver collegato, Ho scoperto che il mio accesso a Internet era piuttosto non funzionale se non per la VPN in questione. Un collega è capitato di essere a portata di mano (che mi aveva dato i dati di accesso, in primo luogo) e ha suggerito rapidamente questa soluzione.

Oggi, un cliente ha avuto lo stesso problema. Forse questo problema è più comune di quanto ho pensato.

Quando si collega alla VPN, Aggiornamenti di Windows il gateway predefinito sul vostro desktop in modo da riflettere le impostazioni della VPN. Più probabilmente, tuttavia, avete solo bisogno di accedere a specifiche sottoreti sulla VPN e si vuole tutto il traffico estranei di utilizzare il “vecchio” Impostazioni.

Si scopre che la sua una semplice casella di controllo che deve essere deselezionata. Il jist (spp.??) di trovare l'impostazione: Fare clic con il VPN in Connessioni di rete -> Proprietà -> Internet Protocol (TCP / IP); [Proprietà] ; [Avanzato], e deselezionare il “[ ] Usa gateway predefinito sulla rete remota”.

Poi clicca il solito OK / Applica / Sì-di-corso-il-tuo-dialogo-ness (per tutto il tempo leggendo e assorbendo eventuali avvisi opportunamente) fino a quando si torna alla finestra Connessioni di rete. Fai clic destro sulla connessione VPN e disabilitare / ri-connettersi.

Dovreste essere in grado di confermare che il gateway predefinito non cambia eseguendo l'applicazione da riga di comando ipconfig prima e dopo aver abilitato la connessione VPN. Cercare appositamente per la linea etichettata “Default Gateway”.

[modifica motivo =”moore”]…

Si scopre che una possibile ragione di questa impostazione è l'impostazione predefinita è per la sicurezza. Se il vostro desktop sembra essere compromessa o inavvertitamente traffico di routing, la connessione alla VPN potrebbe esporre il presunto “privato” rete a Internet.

Condividere
Tuesday, November 11th, 2008 | Autore:

I sometimes use a simplified remote desktop script I built a long time ago, before KRDC and its kin came about. It is still useful for if you normally only connect to 1 server at a time or you want your screen’s real-estate back. Feel free to adjust the defaults. 🙂

This works for generally any distro as long as you have rdesktop installed:

((pacman|yogurt) -S|emergere|(yum|attitudine) installare) rdesktop

Copy the text into an appropriately-named file in your ~/bin/ folder. Then chmod it to be executable and link the second alias.

tricky@swiftspirit:~$ [ -d ~/bin ] || mkdir ~/bin
tricky@swiftspirit:~$ nano ~/bin/rd
tricky@swiftspirit:~$ chmod +x ~/bin/rd
tricky@swiftspirit:~$ link ~/bin/rd ~/bin/rdc

Anche, create a folder at /media/rd that is writable only by root but readable by anyone. Then also create a second folder within this which is writable by anyone. The /media/rd folder is shared with the remote desktop when you connect so it is useful to keep small scripts or applications that you might install or need often in this folder. The /media/rd/honey folder is there for security purposes so that you can copy content to your desktop but ALSO so that a virus-infected server doesn’t infect your existing executables and scripts in the main /media/rd/ folder:

tricky@swiftspirit:~$ sudo mkdir /media/rd
tricky@swiftspirit:~$ sudo mkdir /media/rd/honey
tricky@swiftspirit:~$ sudo chown -R root:root /media/rd
tricky@swiftspirit:~$ sudo chmod 755 /media/rd
tricky@swiftspirit:~$ sudo chmod 777 /media/rd/honey

copy rd’s content from qui.

Once this is in place, to connect to a server, type the command into your terminal from within your GUI:

tricky@swiftspirit:~$ rd my.server.swiftspirit.co.za

If you want to connect to a console session (session 0), use the rdc version:

tricky@swiftspirit:~$ rdc my.server.swiftspirit.co.za

Improvements and suggestions are welcome. I’d built a version which could save your passwords into a shadow file using openssl however I never quite got it to work. Maybe another time. 😉

Condividere